Abito sposa corto – Gambe scoperte il giorno del tuo matrimonio

abito sposa corto

Se c’è una data che delinea l’avvento dell’abito sposa corto, questa è da identificare intorno alla metà degli Anni ’60. 
Irrazionali, viscerali e estremamente contraddittori, i mitici Sixties non sono certo passati alla storia per il conformismo o la tradizione. Neppure nella moda sposa.

 Sì, perché sempre una moda è: forse quella del giorno più bello della propria vita, o forse quella dell’abito da sogno, ma sempre moda è. Dopo la minigonna di Mary Quant e i movimenti sessantottini, anche l’abito da sposa si impone rivoluzionario rispetto a quelli precedenti.
Anche se stemperato da dettagli classici come il bustier a punta e la gonna rigonfia di stampo settecentesco, gli abiti per la sposa si alzano, arrivando appena sopra il ginocchio.
Col tempo, sono stati molteplici i riadattamenti di questo particolare modello: corto a palloncino, corto dalle linee scivolate, corto a tubino, corto tagliato a vivo.

Anche la sposa in corto

Spopolano in passerella gli abiti corti anche per le future spose. La moda stravolge gli schemi e viola la tradizione, cosi anche l’abito bianco è proposto in mini lunghezze. Molte case di moda propongono abiti per una sposa giovane e fresca che mostra preopotentemente la sua femminilità anche nel giorno del suo matrimonio.

Gambe dunque in primo piano, purché perfette. Con un abito corto è essenziale infatti che le gambe si mostrino al meglio.
Consiglio. Se possibile, è sempre meglio indossare un paio di calze, magari di quelle velatissime, senza rinforzi o cuciture, che risultano praticamente invisibili, ma regalano alle gambe un aspetto uniforme e vellutato. Se invece avete scelto di indossare dei sandali, potete anche osare sfoggiando gambe nature.

Abito sposa corto: curate gomiti e ginocchia

Avete scelto il vestito da sposa che più vi piaceva; unico dettaglio: lascia braccia e gambe scoperte. Volete assicurarvi che i vostri gomiti e le vostre ginocchia non presentino l’antiestetica buccia d’arancia: chi la vorrà mai vedere, nelle foto, 20 anni dopo?

Per ottenere un pelle liscia come seta in queste zone critiche, c’è una tecnica. È tempo che sporge su una spugna un po’ rigida. Utilizzate un mezzoguanto o un guanto di crine per raggiungere l’intera area, massaggiate le aree sotto la doccia, ogni giorno per 3 settimane.

Non dimenticate di esfoliare con uno scrub, dei sali o una lozione specifica per il corpo, ma anche un qualsiasi cleanser vi aiuterà ad eliminare le cellule morte. Infine, trattate la pelle con una crema all-over specifica per il corpo. Utilizzate la spugna rigida settimanalmente, per impedire ai batteri di ricostituire lo strato di cellule morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *