Gravidanza: cosa e come mangiare

Gravidanza autoparlante

Quando si è in gravidanza ci si alimenta per due persone, ma proprio per l’estrema fragilità del feto che si porta in grembo, una persona ancora in formazione, occorre prestare grande cautela a come si mangia.

Bisogna anzitutto dare l’addio alle bevande alcoliche e sostituirle con spremute centrifugati e succhi di frutta.
Nei primi 3 mesi, infatti l’alcol potrebbe provocare nel bambino gravi malformazioni cardiache e neurologiche, dopo questo periodo potrebbe causare un parto prematuro o basso peso alla nascita, ritardi mentali, disturbi comportamentali e cognitivi.
Allo stesso modo sono vietate le carni crude (soprattutto di agnello o suino) o poco cotte (tipo tagliate e ?orentine) che nei primi 3 mesi potrebbero essere addirittura causa di aborti e in quelli successivi di danni cerebrali, infezioni oculari, sordità, polmonite e malformazioni cardiache deI bambino.
Attenzione deve essere prestata anche a  frutta e verdura – ma in questo caso basta lavarle con grande cura prima di mangiarle – e a latticini non pastorizzati e latte crudo.
Il pesce crudo non è così dannoso come le carni crude – la mamma può incorrere in una dissenteria, ma il bambino non rischia nulla – ma certamente il sushi non è l’alimentazione più consigliabile mentre si è in dolce attesa.
Il pesce affumicato – come pure il pollame, la carne ovina e bovina – si può consumare a condizione che sia cotto.

Off limits tra i prodotti crudi è anche l’uovo (e qualunque alimento che contenga uova crude) quindi attenzione alla maionese e ad altre salse fresche a base di uova preparate in casa, no anche a creme e dolci preparati soltanto con una breve cottura come mascarpone, tiramisù, crema pasticcera, gelato fatto in casa, creme brulé e zabaione.
Infine i formaggi: quelli a pasta molle – come brie, camembert e taleggio – e quelli con le venature bluastre – come gorgonzola e roquefort – vanno evitati perché sono poco acidi; quelli stagionati o quelli freschi – tipo mozzarella o i formaggini – sono invece sicuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *