Come aprire un centro estetico: requisiti, formazione e costi da affrontare

Aprire un centro estetico al giorno d’oggi significa investire su un’attività ad alto margine di rendimento. Sono in molti infatti a curare nei minimi dettagli il loro aspetto fisico e a ricercare un po’ di relax in massaggi, cura del corpo e trattamenti di bellezza. Non bisogna pensare che il centro estetico sia, come forse accadeva un tempo, un luogo frequentato soltanto da donne: anche i maschietti hanno preso ormai l’abitudine di fissare appuntamenti periodici dall’estetista.

Requisiti per aprire un centro estetico

Per aprire un centro estetico è necessario diventare estetista conseguendo una qualifica rilasciata da una scuola riconosciuta. Poi bisogna assolvere una serie di obblighi di natura burocratica. Oltre che alle procedure standard da seguire per l’avvio di una qualsiasi tipologia di esercizio commerciale, bisogna seguire anche quelle specifiche di questo settore. Alla Camera di Commercio della propria città si può richiedere il certificato di abilitazione professionale. Ottenuto il documento, bisogna fare una visita anche alla Camera di Commercio Industria, Agricoltura ed Artigianato in modo da completare del tutto questo primo step.

Successivamente bisogna nominare un responsabile dell’attività. Se sono previste diverse sedi, per ognuna andrà individuato un titolare diverso. Sarà necessario accertarsi di possedere tutti i requisiti urbanistici, igienici e sanitari richiesti ai centri estetici.

Quest’ultimo passaggio è soggetto a normative comunali e può quindi subire delle variazioni a seconda della sede territoriale dove sarà impiantata l’attività. Il suggerimento è quello di recarsi all’ufficio comunale di competenza e di verificare il regolamento locale in materia in modo da poter adeguare il proprio salone alle leggi del posto.

Scelta del locale e arredamento

Aprire un centro estetico che si riveli produttivo significa anche trovare un locale adeguato al tipo di attività da svolgere. Maggiori saranno i servizi resi ed ovviamente più grande sarà la metratura della bottega. Il suggerimento è quello di concepire degli spazi appositi per ciascuna tipologia di attività: un’area del salone sarà dedicata ai massaggi, un’altra area a sé stante a cerette e depilazioni, un’altra ancora alla cura dei capelli o alla medicina estetica e così via. In base a queste scelte si avrà già un’idea di come arredare i locali ma è meglio che ad occuparsene siano aziende specializzate del settore. Per questo motivo consiglio il sito www.elettrobeautysrl.it perché questa azienda ha dalla sua un’esperienza che abbraccia il settore dei centri benessere e quindi è in grado di supportare anche l’arredo di un centro estetico più impegnativo.

Servizi offerti nel centro estetico

Alla luce di quanto sinora affermato è chiaro che prima di ogni altra cosa è importante decidere quanto sarà completa l’offerta e quindi individuare il numero di stanze necessarie per il salone. Sarà importante scegliere una zona facile da raggiungere, tanto per voi quanto per i clienti, ed in cui sia anche semplice posteggiare Ovviamente bisognerà teneee conto dell’entità dell’affitto richiesto: preparate una stima dei guadagni e fate in modo che l’esborso mensile destinato alla locazione non sia proibitivo in rapporto agli introiti previsti.

Quanto costa aprire un centro estetico

Aprire un centro estetico richiede un investimento iniziale di una certa entità. Una piccola bottega potrebbe essere avviata con 40/50 mila euro. Certo, il ritorno economico se saprete giocare bene le vostre carte ci sarà e sarà anche abbastanza veloce. Avendo un bel gruzzolo da parte quindi non vi pentirete del sacrificio sostenuto.

Se però non siete in grado di anticipare questo denaro potete richiedere dei prestiti o dei finanziamenti oppure ancora monitorare le periodiche agevolazioni finanziarie concesse ai giovani imprenditori. In particolare documentatevi sui benefici riservati all’imprenditoria femminile.

Non scartate soluzioni economiche come il leasing. Grazie a più sostenibili pagamenti rateali potrete acquistare tramite questa formula una buona attrezzatura ed iniziare a lavorare sin da subito. In ogni caso non esitate a richiedere l’assistenza di commercialisti e consulenti specializzati i quali individueranno la soluzione più adatta alle vostre necessità.

Aprire un centro estetico in franchising

Il settore della bellezza è uno dei più presenti nel mondo del franchising. Del resto questa formula riesce a soddisfare egregiamente tanto le esigenze della piccola bottega di paese quanto quelle del centro estetico full optional. Grazie alla pratica dell’affiliazione commerciale, a fronte di un investimento che varia dai 1o mila ai 60 mila euro, si ottiene un affiancamento tecnico e burocratico. Inoltre si potrà beneficiare di un canale preferenziale con i fornitori, di un discreto numero di agevolazioni riguardanti l’acquisto di arredi ed attrezzature. In questo modo i costi pubblicitari sono inferiori perché si potrà beneficiare del nome di una compagnia conosciuta ed avviata.