Come vestire bene e alla moda

Ragazza con camicetta e jeans corti

Chi ha detto che l’abito non fa il monaco? Spesso il nostro primo biglietto da visita è l’aspetto: vestire bene e alla moda ci fa apparire più o meno attraenti o adatti a svolgere un lavoro. Ecco qualche dritta sull’argomento. Per vestire bene e alla moda potrete scegliere anche le intramontabili camicette, i gilet e le tante gonne colorate proposte sempre più spesso nei negozi reali o virtuali (avete dato un’occhiata a vmshop.biz? No? Fatelo!)

Sentirsi a proprio agio

I vestiti stretch, i tacchi vertiginosi ed i collant modellanti sono capi di abbigliamento che possono esaltare la figura delle donne. Però indossare qualcosa di bello ma scomodo può rappresentare un’arma a doppio taglio: si cammina in maniera poco aggraziata, si suda, si teme di compiere movimenti rivelatori delle proprie grazie e quant’alto.

Il primo segreto per vestire con eleganza è sentirsi a proprio agio. Per questo motivo l’armadio di ogni donna dovrebbe contenere dei capi base comodi e versatili.  Nel dettaglio:

  • pantaloni scuri. Le fortunate con gambe lunghe preferiranno quelli a vita alta; in questo caso potranno eventualmente anche nascondere qualche rotolino di grasso. Le donne che possono sfoggiare un punto vita snello e una bella pancia piatta opteranno invece per la vita bassa
  • abiti morbidi: perfetti per le occasioni in cui si prevede di essere un po’ gonfie (molte accusano questi fastidi durante il periodo mestruale) o per andare a ballare. Scegliete sempre qualcosa di poco aderente e non troppo lungo
  • jeans: e chi ci rinuncerebbe? Questo capo, se scelto con cura, può valorizzare le forme femminili accentuando ad esempio la lunghezza delle gambe (modelli a sigaretta) o esaltando il lato b (modelli push-up)
  • sneakers e stivali: le prime sono irrinunciabili se volete stare comode con stile. Gli altri, lo sappiamo tutte, sono il perfetto compromesso tra comfort ed eleganza

Feste a tema: anni ’80 o anni ’90?

Se volete vestire bene e alla moda ricreando un determinato periodo storico siete capitate nel posto giusto: anche in questo caso abbiamo delle dritte da darvi.

Preferite gli anni ’80? Nel vostro armadio non dovranno mancare i leggins. In questo caso però dovrete procurarvene un modello che lambisca le caviglie. Ai fuseaux (a quell’epoca si chiamavano così) abbinerete dei coloratissimi scaldamuscoli ed una t-shirt di taglia più ampia rispetto a quella indossata normalmente oppure ancora dei vestitini stretch da avvolgere in comodissimi blazer con pompose spalline. Una borsa a manico rigido, coloratissima come tutto il resto del vestiario, completerà il vostro look.

Se siete più orientate sugli anni ’90 invece preferite abiti minimal. Il tipico abbigliamento dell’epoca prevedeva l’uso di top che lasciassero vedere l’ombelico a cui abbinare poi dei camicioni, preferibilmente a quadri. A questo aggiungerete dei jeans, meglio se a vita molto alta.

Ed il sabato sera?

Valutate bene la situazione: con chi uscite? Dove andate? In relazione alle risposte che darete potrete optare per jeans, t-shirt sfiziose o camicette sagomate a cui abbinare accessori e scarpe di tendenza se andrete a fare una passeggiata con qualche amica.

Per una festa invece è meglio puntare su qualcosa di sexy ed elegante: con il tubino non si sbaglia mai! Anche in questo caso scarpe ed accessori completeranno ed esalteranno il vostro look.